Zaha Hadid Architects

L’estetica rigorosa stabilisce una relazione armonica tra naturalezza e tecnicità per una residenza di lusso ma la tempo stesso a misura d’uomo.

CityLife

Il progetto di sviluppo urbano di CityLife a Milano, sorto nell’area un tempo occupata dal polo della Fiera, disegna una porzione di città a misura d’uomo, con ampie superfici verdi e una sviluppata viabilità pedonale, caratterizzata da un mix funzionale articolato con residenze, uffici, negozi, aree per il tempo libero.

CityLife

Le residenze progettate da Zaha Hadid e Daniel Libeskind rappresentano l’offerta residenziale di Citylife, con abitazioni di pregio, certificate in Classe A, a stretto contatto sia con la città storica sia con il nuovo grande parco pubblico, che si estende per 173.000 mq.

LEGGI ANCHE – Cosa si prova a vivere al MoMa?

CityLife

In questo contesto, la Penthouse One-11 è uno degli attici che caratterizzano le residenze firmate da Zaha Hadid, distribuito su due livelli con una superficie di oltre 280 mq, ai quali si aggiungono oltre 130 mq di terrazze.

Il progetto di interior dell’attico, curato da Milano Contract District, ha studiato un layout che privilegia l’idea di continuità e fluidità spaziale sia tra i vari ambienti sia tra arredi e partizioni murarie, tra rivestimenti orizzontali e verticali.

Nello stesso tempo, materiali e colori definiscono e disegnano i vari spazi della casa dando vita ad aree fortemente connotate, in un progetto vario ma al tempo stesso uniforme caratterizzato da un’estetica rigorosa in armonia tra naturalezza e tecnicità.

CityLife

Le pareti esterne vetrate offrono accesso allo spazio esterno delle terrazze e aprono la vista al panorama della città, del parco e delle nuove architetture del Business & Shopping District di CityLife.

Un progetto di interior che definisce e connota gli spazi attraverso l’accuratezza nella scelta dei materiali e delle cromie.